SCUOLA ESTIVA La pratica filosofica per lo sviluppo sostenibile. Uno sguardo dal Sud – A.S. 2017-2018 – Puglia, Alberobello, 16-17-18 luglio 2018.


Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici
Regionali LORO SEDI
Al Sovrintendente agli Studi della Valle
d’Aosta
AOSTA
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione per
la Provincia Autonoma di TRENTO
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola
in lingua tedesca di BOLZANO
Al Sovrintendente Scolastico della Provincia
di BOLZANO
Ai Dirigenti scolastici
delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie
di ogni ordine e grado
LORO SEDI
e.p.c.
Al Capo Dipartimento
SEDE
Al Capo Ufficio Stampa
SEDE

Oggetto: SCUOLA ESTIVA La pratica filosofica per lo sviluppo sostenibile. Uno sguardo dal Sud – A.S. 2017-2018 – Puglia, Alberobello, 16-17-18 luglio 2018.

La Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Centro di Ricerca sull’Indagine Filosofica organizzano la scuola estiva di educazione allo sviluppo sostenibile
MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0008629.22-05-2018
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione 2 attraverso la pratica filosofica di comunità intitolata La pratica filosofica per lo sviluppo sostenibile. Uno sguardo dal Sud.

L’iniziativa, promossa dal Comitato paritetico costituito nell’ambito del Protocollo d’Intesa MIUR-CRIF La pratica filosofica come opportunità di apprendimento per tutti e delle azioni a esso connesse, è rivolta a docenti del primo e del secondo ciclo scolastico ed è articolata in più sessioni con relazioni e laboratori didattici di formazione e progettazione di percorsi declinati per ordine e grado scolastico.
Essa intende porre l’attenzione su possibili utilizzazioni dell’esercizio filosofico nella scuola e nella società volte a uno sviluppo su base interdisciplinare del pensiero complesso, nella sua articolazione critica, creativa e valoriale, attraverso proposte di attività di ricerca, sperimentazione e valutazione formulate nell’ottica del documento ONU: Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.
Fra le diverse indicazioni fornite dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, il Protocollo riserva particolare attenzione all’OBIETTIVO 4, “Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti”. Nel caso specifico della scuola estiva pugliese centrale diviene anche l’interesse per l’OBIETTIVO 10, “Ridurre le disuguaglianze all’interno di e fra le nazioni”, per una crescita economica, sociale e culturale duratura, inclusiva e sostenibile, tenendo presente al contempo la salvaguardia della comunità umana, il rispetto della biodiversità e del pianeta.
Le profonde trasformazioni della società contemporanea richiedono di rafforzare la cooperazione Nord-Sud, Sud-Sud e quella triangolare regionale e internazionale in tutte e tre le dimensioni dello sviluppo sostenibile: economica, socio-culturale e ambientale.
I sistemi formativi si trovano quindi ad affrontare nuove sfide che richiedono di coniugare, attraverso una più articolata e significativa dinamica educativa, l’acquisizione di competenze di tipo cognitivo e socio-relazionale (life skills) per assicurare pari opportunità e ridurre le disuguaglianze nei risultati, a prescindere da età, sesso, disabilità, razza, etnia, origine, religione, stato economico o altro, sia nell’ambito scolastico sia in quello più in generale dell’educazione permanente (lifelong learning).

Alla luce dei recenti documenti del MIUR Indicazioni nazionali e nuovi scenari, Orientamenti per l’apprendimento della filosofia nella società della conoscenza, nonché del Decreto legislativo 60/2017 sulla promozione della cultura umanistica, sulla valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sul sostegno della creatività e del DPCM 30 dicembre 2017 “Adozione del Piano delle Arti”, la scuola estiva intende accompagnare tali provvedimenti per approfondire con studiosi, ricercatori, esperti in diversi ambiti disciplinari tali temi e contenuti attraverso il confronto con e tra i docenti e per prospettare anche metodologie e pratiche di rinnovamento dell’apprendimento della filosofia.

DESCRIZIONE E ARTICOLAZIONE DELLA SCUOLA ESTIVA
La scuola estiva è rivolta a docenti e operatori culturali per la progettazione di percorsi didattici di educazione allo sviluppo sostenibile attraverso la pratica filosofica di comunità.
Sessioni plenarie – Studiosi, ricercatori, esperti con competenza professionale nell’ambito dello sviluppo sostenibile (nei vari settori disciplinari delle scienze naturali, umane, sociali) e della formazione forniscono materiale-stimolo per avviare processi di coltivazione del pensiero complesso attraverso la pratica filosofica di comunità, PfC (in ambito internazionale: Philosophy for Children & Community, P4C).
Laboratori didattici – Attività animata in maniera coordinata da formatori di pratica filosofica di comunità, esperti MIUR ed esperti di educazione allo sviluppo sostenibile. In
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione 3 particolare, la pratica filosofica di comunità viene adoperata come approccio metodologico per lavorare (dialetticamente) su contenuti e materiali offerti (anche) nel corso delle relazioni, proponendo ai docenti e agli educatori che parteciperanno progetti verticali da sviluppare nelle loro istituzioni a partire da settembre.

ARGOMENTI
a. Forme e modi possibili dell’educazione allo sviluppo sostenibile
b. Le disuguaglianze territoriali, economiche, sociali e culturali nell’Agenda 2030
c. Il contributo della pratica filosofica di comunità per l’educazione allo sviluppo sostenibile

ATTIVITÀ E RISORSE
Progettazione educativa, programmazione didattica, formazione P4C.
Studiosi, ricercatori, esperti di Philosophy for Children & Community, del Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, di enti e istituzioni, nazionali e internazionali.

MODALITÀ D’ISCRIZIONE E SCADENZA – L’iscrizione va effettuata entro e non oltre le ore 24,00 del 30 GIUGNO 2018 esclusivamente attraverso il collegamento alla pagina:
http://www.filosofare.org/crif-p4c/alberobello/
L’iscrizione è aperta fino a un massimo di 50 persone.
Tutte le informazioni si trovano sul sito: www.filosofare.org .
Le SS.LL. sono cortesemente invitate a dare tempestiva notizia alle scuole e ai soggetti coinvolti.

Per eventuali comunicazioni contattare la referente scientifica: Prof.ssa Carla Guetti: carla.guetti@istruzione.it .

Si ringrazia per la consueta e preziosa collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE
Maria Assunta Palermo Firmato